Promuovere un libro: in che modo?

Sei sei uno scrittore sai che promuovere un libro è essenziale.

È come dire a un’azienda di non fare pubblicità ai suoi prodotti. Non lo farà mai.

E tu non puoi pensare di pubblicare un libro e basta.

Gli scrittori che dicono: “Ok, ho pubblicato. Adesso aspetto che qualcuno lo compri” sbagliano.

Quanti libri vengono pubblicati all’anno? E al giorno? Ci hai mai pensato?

A meno che tu non si già conosciuto, una volta pubblicato il libro questo si perderà nell’oceano degli altri romanzi. Forse qualcuno lo acquisterà, ma sarà un caso fortuito.

Perché nessuno comprerà un libro se non lo conosce. Quindi devi farlo conoscere, ossia devi promuoverlo.

In questo articolo ti elencherò dieci modi veloci (e gratuiti) attraverso i quali puoi promuovere un libro. Alcuni già li conoscerai, altri no. Ti consiglio, però, di seguirli tutti e dieci.

Dopo aver letto questo articolo saprai che la promozione è un’attività che è essenziale per la vita del tuo romanzo.

10 modi per promuovere un libro

Come ti ho spiegato nell’introduzione, la promozione è un aspetto che non devi tralasciare. Inoltre la promozione è un vero e proprio lavoro, e come tale va considerata.

Spesso molti autori si limitano a piazzare il link d’acquisto del loro libro sui forum e sui social network, sperando che qualche anima pia lo clicchi. Può portare risultati, ma non basta.

Tutti diffidiamo dello spam, quella parola che spesso ci fa gridare allo scandalo. Come vedrai, lo spam può servire, ma solo se utilizzato in maniera consapevole.

In effetti quello che molti non sanno è che bisogna pianificare, adottare una strategia. Non puoi iniziare un’attività di promozione e poi abbandonarla per un’altra.

Pianificazione e strategia, quindi. E anche una buona dose di furbizia.

Ma, in sostanza, questi dieci modi quali sono?

Vediamoli uno per uno.

1. Il blog

Il blog letterario è una delle piattaforme più utilizzate per promuovere un libro:

  1. In modo indiretto, chiedendo segnalazioni o recensioni ai blogger;
  2. In modo diretto, creando un blog autore.

Puoi strutturare un blog in mille modi, e puoi parlare di quello che vuoi. L’importante è il tuo libro sia sempre ben visibile, in modo tale da attirare l’attenzione di ogni visitatore. In che modo?

  • Con una pagina apposita da visualizzare nel menu, che puoi intitolare “Il mio libro”, o “I miei libri” se ne hai scritto più di uno;
  • Con un post che segnali l’uscita. Attenzione, però: i post spudoratamente promozionali non vanno molto. Cerca di dare almeno qualche altra informazione oltre che al link, alla cover e alla sinossi;
  • Con un widget che inserirai a lato di ogni pagina. Basta anche solo la copertina del tuo libro con un link che rimandi a una pagina del tuo blog dove ne parli o, in maniera più diretta, allo store online.

2. Fan page di Facebook

Chi di noi non ha una propria fan page su Facebook?

Per un autore è impensabile non averne una. Ormai la maggior parte delle persone usa Facebook e usa le pagine per rimanere in contatto con le aziende o i brand che segue.

Anche tu, come autore, devi avere una pagina Facebook, che può essere:

  • Una pagina autore, dove inserirai tutte le notizie inerenti la tua vita da autore — quelle personali lasciale al profilo;
  • Una pagina per il libro, dove, a rigor di logica, dovresti inserire solo le notizie sul tuo libro.

La scelta è tua.

Anche in questo caso, però, pianifica una strategia. Non limitarti a pubblicare link d’acquisto al libro. Crea contenuti e invita il pubblico a partecipare.

3. Profilo Twitter

Anche Twitter è molto seguito, quindi ti consiglio di crearti un profilo autore e utilizzare anche questo canale per promuovere il tuo libro.

Molti sottovalutano questo social network, mentre, invece, è davvero utile.

Puoi promuovere un libro in vari modi, ad esempio “cinguettando” (ossia pubblicando un post), usando gli hashtag o caricando delle immagini.

Cerca di diversificare: come per Facebook, non pubblicare sempre e solo link allo store d’acquisto. Potresti provare con delle citazioni, o inserire qualche hashtag all’interno della frase (oggi è uscito il mio nuovo #ebook sulla scrittura creativa, per intenderci).

Gli hashtag sono molto utilizzati; non inserire, però, un post con solo hashtag: risulterebbe poco difficile da leggere (#oggi #è #uscito #il #mio #nuovo #libro #sulla #scrittura #creativa… aiuto!)

4. Sito

Molti autori hanno un sito-vetrina al quale affiancano il blog.

Di che cosa si tratta? È semplice: un sito statico dove sono inseriti i dati dell’autore e le sue pubblicazioni.

Ad esempio il menu orzizontale potrebbe contenere pagine come “Chi sono”, “Le mie pubblicazioni”, “Contatti”.

Ricorda, però, che il sito è in genere statico. Puoi variare i contenuti delle pagine, ma non c’è una pubblicazione continua come nel blog.

Per questo aziende e brand hanno ormai affiancato il loro sito con un blog che tengono costantemente in aggiornamento.

5. Contenuti gratuiti

Spesso queste parole fanno storcere il naso. Ma come! Ho scritto un libro, ho sudato le proverbiali sette camicie e adesso devo regalarlo a estranei?

Eppure i possibili clienti o fan sono molto (e ripeto: molto!) interessati ai contenuti gratuiti.

In pochi effettuano acquisti “a scatola chiusa” e, se lo fanno, è perché ti conoscono e si fidano.

Quindi non aver problemi a dare qualcosa gratis, riceverai sempre qualcos’altro in cambio.

Contenuto gratuito non sempre vuol dire regalare il proprio libro. Puoi, ad esempio:

  • Offrire estratti di qualche pagina, come succede con l’anteprima di Amazon (estratto gratuito);
  • Pubblicare post sui social network con citazioni e frasi del tuo libro;
  • Offrire uno o due capitoli del libro in cambio di qualcosa (ad esempio la condivisione di un post, l’iscrizione alla newsletter, se ce l’hai).

6. SPAM!

Sì, anche lo spam è un modo per promuovere un libro.

Come ti dicevo all’inizio, però, c’è modo e modo. La sola condivisione del link di acquisto non porta a molti risultati.

Puoi utilizzare tattiche di spam “indiretto”, ossia parlare del tuo libro, spendere qualche parola su trama, personaggi o altro, e rimandare al sito di acquisto. Ancora meglio: puoi parlare direttamente con il tuo pubblico, interagendo con domande, pareri. È sempre spam, ma almeno offri quel di più al lettore che ti differenzia dagli altri.

Su Facebook esistono i gruppi di solo spam, dove non è vietato promuovere il proprio libro in questa maniera. Il mio consiglio è di provare anche lì.

7. Forum

I forum andavano di moda qualche anno fa, adesso i fratelli maggiori Facebook & co. li hanno un po’ soppiantati. Tuttavia esistono ancora molti forum letterari (il più famoso è Writer’s Dream, che ti consiglio di visitare) dove scambiarsi pareri e parlare delle nostre letture.

Esistono però delle sezioni apposite dove presentarsi e parlare dei propri libri (in Writer’s Dream la sezione si chiama I nostri libri).

Di regola i forum sono fatti per essere frequentati, e spesso la sola promozione del libro non basta: devi anche interagire con gli altri utenti.

8. Blogtour

Il blogtour, lo dice la parola stessa, riguarda i blog.

Il blogtour si organizza a tappe, per ogni tappa partecipa un blog che l’autore ha in precedenza contattato e chiesto la disponibilità.

In ogni tappa del blogtour verrà trattato un argomento inerente al tuo libro, come trama, ambientazione, personaggi. Puoi anche decidere di offrire un’intervista o del materiale gratuito, come uno o due capitoli del libro. Molti blogger sono anche disposti a pubblicare una recensione.

Da solo, il blogtour non basta: devi anche promuoverlo e invogliare i lettori a seguire ogni tappa, ad esempio creando un giveaway finale. Ne parliamo adesso.

9. Giveaway

Il giveaway è una sorta di lotteria digitale, dove a ogni partecipante viene assegnato un numero, che verrà poi estratto e il vincitore riceverà un premio. Nel caso dei giveaway letterari, il premio può essere un libro cartaceo o digitale, o anche accessori come segnalibri, penne…

Il premio del giveaway può essere fisso:

Partecipa al giveaway; in palio una copia cartacea del libro “XXX”.

Oppure i premi possono variare:

Partecipa al giveaway; in palio potrai scegliere tra tre libri cartacei e tre digitali.

Se senti di qualche blogger che organizza un giveaway, puoi proporti per offrire il tuo libro come premio, oppure, come autore, puoi indire tu stesso un giveaway e regalare il tuo libro.

Il giveaway prevede delle regole: non basta che un lettore decida di partecipare e riceva un numero in cambio (come nella classica lotteria); deve anche interagire, ossia mostrare di essere davvero interessato.

Puoi, ad esempio, subordinare la partecipazione al giveaway solo se ogni partecipante condivide l’evento o invita uno o due amici.

10. Recensioni

La recensione è senza dubbio una delle migliori pubblicità, perché non si limita al solo link d’acquisto, ma dà anche una visione soggettiva del libro, quella del recensione o del blogger.

Una recenesione in un blog molto seguito o su un sito conosciuto può portarti davvero tanti lettori.

Le recensioni sugli store online sono anch’esse molto importanti, anche se spesso vanno prese con le pinze — ad esempio su Amazon.

Conclusioni

Questi sono solo dieci modi per promuovere un libro, ma ne esistono altrettanti.

Una volta che hai deciso un modo di promozione, ti consiglio di adottare una strategia e iniziare.

Pianifica bene le tue scelte, perché, in caso contrario, correrai il rischio di aver sprecato del tempo inutilmente.

Ti lascio uno specchietto riassuntivo che spero ti sia utile.

promuovere un libro

Copyright: Freevector

verificare errori libroIscriviti alla newsletter per ricevere la mia guida su come migliorare il tuo libro prima di pubblicarlo!

Che cosa troverai:

5 check-list che ti permetteranno di capire se il tuo libro “gode di buona salute”:

  • Verbi
  • Punteggiatura
  • Trama
  • Impaginazione
  • Personaggi e descrizioni

Ti basta inserire nome ed e-mail e questa piccola guida sarà tua 🙂

Inoltre iscrivendoti alla newsletter rimarrai aggiornato sulle novità del mio sito e potrai avere accesso a contenuti solo per gli iscritti. Tranquillo, odio lo spam. Ti scriverò solo una volta a settimana!