Pubblicare un libro: cosa c’è da sapere

Tutti desideriamo pubblicare un libro. È un piccolo sogno nel cassetto, che ogni tanto apriamo e accarezziamo con amore. Poi richiudiamo il cassetto e torniamo alla realtà.

Oggi, ormai, pubblicare un libro è davvero a portata di click. Segui qualche passaggio e via, il gioco è fatto. In breve il tuo libro sarà visibile a tutti.

Le cose, in realtà, non stanno proprio così.

C’è modo e modo di pubblicare un libro.

In questo articolo ti elencherò i cinque passaggi che devi seguire prima di inviare la tua opera a un editore o usare una piattaforma di self-publishing. 

Dopo averlo letto prenderai molto più seriamente questa scelta.

Primo passo: hai riletto il tuo libro?

Suona banale, ma spesso trovo alcuni libri e mi domando: “Ma l’autore almeno lo ha riletto, prima di pubblicarlo?”

Non basta mettere la parola fine a un libro per renderlo pubblicabile. Hai presente quel lungo e tedioso lavoro chiamato revisione? Sì, lui. Ecco, quello è uno dei passaggi più importanti.

Un libro non può essere definito tale se non è stato sottoposto a due, tre, cinque revisioni.

Perché, per quanto tu scriva bene, ti sarà comunque sfuggito qualcosa. Il problema è che non sempre questo qualcosa sfugge agli occhi del lettore.

pubblicare un libro

Secondo passo: hai fatto correggere il tuo libro?

Tra rilettura e correzione c’è una bella differenza.

Correzione non è solo correggere una bozza, pulire il testo dai refusi. C’è anche il fratello maggiore, bello grosso: l’editing.

Quindi non ti basta (o meglio, ti basta ma non è tutto) rileggere il tuo libro, devi affidarlo a un esterno affinché, con occhio estraneo, verifichi la presenza di errori o incoerenze narrative.

Se non puoi o non vuoi permetterti un editor, puoi sempre cercare un correttore di bozze per migliorare il testo; oppure puoi affidarti a beta reader, che leggeranno criticamente il tuo libro alla ricerca di errori.

Quale che sia la tua scelta, non tralasciare la fase della correzione da parte di un esterno. Quattro occhi sono meglio di due.

pubblicare un libro

Terzo passo: hai scelto la copertina giusta?

Non basta piazzare un’immagine ad effetto e un titolo sbrilluccicoso per avere una copertina.

Anche la copertina ha una sua importanza.

Pensaci bene: quanti libri ti hanno colpito per la loro cover, prima che per titolo o sinossi? Quante copertine ti sono rimaste impresse?

La copertina deve trasmettere qualcosa, deve essere legata all’idea del tuo libro. Il font scelto per il titolo deve essere leggibile e non troppo arzigogolato.

Insomma, una copertina deve catturare l’attenzione.

Scegli con cura l’immagine e il font. Pensa al lettore, a cosa può colpirlo; non pensare a te stesso. Non sempre quello che piace a te è giusto per il tuo libro.

Se vuoi, puoi affidarti a un grafico professionista o comprare una copertina già preimpostata, dove basterà cambiare titolo e autore.

L’importante è che dietro ogni copertina che sceglierai ci sia una scelta ponderata.

pubblicare un libro

Quarto passo: hai scelto il titolo giusto?

Dopo (o insieme) alla copertina, il titolo del libro è il magnete che ci attira.

Pensa a una libreria o a uno store online: un sacco di libri. Quale scegliere? Magari iniziamo dal titolo. Quale titolo attira più la tua attenzione?

Molti autori tendono a tralasciare l’argomento “titolo” mentre, invece, è molto importante.

Se scegli una casa editrice, molto probabilmente sarà la redazione a trovare il titolo giusto per il tuo libro, ma se ti autopubblichi, allora dovrai farlo tu.

Come la copertina, anche il titolo deve trasmettere l’idea del tuo libro, il suo tema. Deve essere un titolo che il lettore ricorderà e ripescherà in mezzo ad altri mille. Deve anche essere attinente all’argomento del libro, e non messo lì perché è d’impatto, sì, ma non c’entra nulla con la storia. Puoi giocare con i dettagli, come Josh Malerman in “Bird Box” (tradotto in italiano come “La morte avrà i tuoi occhi”), dove bird box, la cassetta per gli uccelli, è un dettaglio essenziale per la storia. O puoi indicare subito il contenuto del tuo libro, come Carla Buckley con “The Deepest Secret” (tradotto in italiano come “La luce dopo il tramonto”). È un oscuro segreto, infatti, quello che Eve Lattimore, la protagonista, si trascina per tutta la storia.

pubblicare un libro

Quinto passo: hai corretto la tua sinossi?

La sinossi è una delle prime cose da tirar giù, anche solo per avere un’idea precisa di cosa scriverai. Un po’ come una scaletta.

In seguito, la sinossi è d’obbligo se vuoi inviare il libro a un agente o un editore. E diventerà la quarta di copertina qualora tu scelga il self-publishing.

La sinossi è il terzo punto che attira l’attenzione di un lettore. Che potrebbe andarsene subito sia perché non è interessato, sia perché non è convinto. È su quest’ultimo punto che devi giocare.

Una sinossi deve essere leggibile, ossia non deve contenere errori o refusi. E deve anche essere comprensibile. Il lettore deve capire il contenuto del libro. Non sviarlo parlando di un thriller mentre il tuo romanzo è un rosa. Non infarcire la sinossi di troppi elementi: deve essere essenziale. Basta davvero poco per attirare l’attenzione del lettore! Una parola, una frase ad effetto.

pubblicare un libro

Bonus! Un altro passo che devi fare

C’è un piccolo bonus per te che hai letto l’articolo fino all’ultimo.

Un altro passo verso la pubblicazione del tuo libro.

Attenzione! Questo passo vale solo se hai scelto il self-publishing o se sai per certo che qualcuno pubblicherà il tuo libro.

Hai già cominciato a promuoverlo?

Ebbene sì, la promozione inizia PRIMA della pubblicazione di un libro.

Non aspettare che il libro sia pubblicato, devi agire prima, creare aspettativa tra i lettori, tra chi ti segue.

Offri teaser, estratti, dai qualche anticipazione… tieni viva l’attenzione del lettore di modo che, quando il libro sarà uscito, correrà a comprarlo.

pubblicare un libro

Riassumendo

Questi sei passi sono importanti, ti consiglio di seguirli uno per uno.

Scrivere è solo una parte del lavoro; chi dice che gli scrittori, soprattutto indie, non fanno nulla, ha torto.

La vita di un libro non si esaurisce mai: scrittura, revisione, pubblicazione, promozione, e poi ancora scrittura, revisione… e così via. È un cerchio continuo. E un lavoro continuo. E come tale, deve essere fatto bene.

Non tralasciare i passaggi che ti ho elencato in questo articolo. E non perché te lo dico io, ma perché te lo dice il tuo libro. Dagli il valore che merita.

Prima di concludere, ti lascio come sempre uno specchietto riassuntivo; fanne buon uso!

pubblicare un libro

verificare errori libroIscriviti alla newsletter per ricevere la mia guida su come migliorare il tuo libro prima di pubblicarlo!

Che cosa troverai:

5 check-list che ti permetteranno di capire se il tuo libro “gode di buona salute”:

  • Verbi
  • Punteggiatura
  • Trama
  • Impaginazione
  • Personaggi e descrizioni

Ti basta inserire nome ed e-mail e questa piccola guida sarà tua 🙂

Inoltre iscrivendoti alla newsletter rimarrai aggiornato sulle novità del mio sito e potrai avere accesso a contenuti solo per gli iscritti. Tranquillo, odio lo spam. Ti scriverò solo una volta a settimana!

Per i crediti delle illustrazioni si ringrazia Freepik (uno e due)