Recensioni negative: quello che c’è da sapere

Le recensioni negative non piacciono a nessuno. E come potrebbe essere il contrario?

Una cattiva recensione abbassa la media di stelline su Amazon.

Una cattiva recensione corre sulle ali della condivisione 2.0 e ti danneggia la reputazione.

Una cattiva recensione ti scoraggia, ti abbatte, ti fa pensare: “Ma sono davvero bravo a scrivere? Vale la pena continuare?”

Purtroppo, pochi sono esenti da recensioni negative. Persino gli autori più famosi ne ricevono a migliaia. Anzi, talvolta i libri più acclamati (i famosi casi editoriali) sono quelli presi di mira dal pubblico. Certe volte hanno ragione; altre, chissà. I pareri sono soggettivi.

Certo, mi potrai dire. Ma io non sono Ken Follett o Connelly o Vitali. Una o due recensioni negative mi distruggono la reputazione!

Non è proprio così, in realtà.

In questo articolo cercherò di fare chiarezza sulla questione “cattiva recensione”. Scoprirai che, talvolta, anche una recensione negativa può aiutarti.

La vera recensione

Scrivere frasi e frasi di critiche di per sé non è una recensione. Né lo è un semplice “Il libro non mi è piaciuto”.

Una recensione, per essere tale, deve contenere almeno alcune caratteristiche:

  1. Il riassunto dell’opera. In poche righe occorre sintetizzare di che cosa parla il libro (ma anche un film!)
  2. Se vi è qualche messaggio che l’autore vuole veicolare. Ossia: che cosa vuole dirci l’autore?
  3. Valutazione personale.

Se sui primi due punti non vi è molto da dire, permettimi di spendere qualche frase sul punto tre.

La valutazione personale. Il fulcro che muove ogni recensione. E ciò che rende ogni recensione diversa. Proprio perché è soggettiva, nella valutazione si trovano diverse chiavi di interpretazione. C’è il lettore che si focalizza sulla scrittura, quello che guarda allo stile e quello che si interessa alla trama.

A mio parere, una valutazione personale, per essere completa, dovrebbe parlare di tutti questi elementi. Quindi:

  1. Scrittura
  2. Stile
  3. Contenuto
  4. Se l’eventuale messaggio che l’autore ha voluto veicolare ha un suo impatto

La valutazione personale deve essere più completa possibile. Deve aiutare il lettore a farsi un’idea del libro e deve far capire all’autore quali sono i punti apprezzati e quelli che non sono piaciuti.

Capirai come una valutazione personale non possa essere sintetizzata in questo modo:

Il libro mi è piaciuto. La scrittura è scorrevole e pure lo stile. Il contenuto è buono. Il messaggio che trasmette l’autore mi è arrivato forte e chiaro.

Oh, a volte ci sono recensioni proprio così! Ma a mio avviso è meglio essere più specifici possibile. Rendiamo l’autore partecipe!

Ancora di più se la recensione è negativa.

Il contenuto di una recensione negativa

Di per sé il contenuto di una recensione negativa non si discosta di molto da qualsiasi altra recensione.

In fondo, la valutazione personale può essere buona o brutta. Una cattiva recensione deve, però, contenere almeno qualche punto in più che aiuti l’autore e non deve risolversi in una semplice critica.

Quindi, oltre a quanto scritto prima (scrittura, stile, contenuto, messaggio) che cosa va inserito?

  • La motivazione. Il libro non è piaciuto? Scriviamo il perché. E non un perché banale. Occorre far capire all’autore che cosa non ha convinto del suo libro. È scritto male? Ha una trama che traballa? I personaggi sono stereotipati? Ci stanno antipatici? Un libro può non piacere per molti motivi. Bisogna spiegarli.
  • Punti su cui l’autore dovrebbe lavorare. Lungi da noi voler riscrivere un romanzo, ma magari si potrebbe dare qualche consiglio spassionato, su punti “oscuri” o capitoli che non convincono.
  • Elementi positivi. Ma come? In una recensione negativa c’è qualcosa di buono? Sì, perché il libro può non essere piaciuto sotto il profilo della trama ma avere dei dialoghi brillanti. Ogni cosa che è piaciuta, è meglio metterla.

Come puoi vedere, una recensione di questo tipo è, sì, negativa, ma è anche costruttiva.

L’autore la legge, assimila critiche e consigli e ci ragiona su. Un’autrice mi dice spesso che, per lei, le recensioni negative la spronano a dare il meglio di sé in futuro. Se deludi un autore la prima volta, magari la seconda sarà contento, e la terza entusiasta.

Quando la recensione negativa è… negativa

Una cattiva recensione può aiutare il lettore, se costruita bene. Può fargli capire i suoi sbagli, può spronarlo a migliorarsi.

Ma cosa succede se una recensione è scritta solo per gettare cattiva luce sul povero autore?

Innanzitutto mi preme specificare che in questo caso non siamo davanti a una vera e propria recensione. Buttare palate di critiche senza un perché non è parlare di un libro. Spesso in alcune di queste recensioni “farlocche” ci sono addirittura elementi del tutto estranei al romanzo. Ad esempio: “Non mi è piaciuto perché detesto i vampiri, e il protagonista di questo romanzo è un vampiro senza spessore”. Sì, peccato che nel romanzo non ci siano vampiri! Banale esempio, ma fidati, mi è capitato di leggere cose simili.

Sui principali store e sulle comunità letterarie quali Anobii o Goodreads troviamo un po’ di tutto. Su Amazon, poi, alcune “recensioni” sono memorabili.

Purtroppo internet è zeppo di concorrenza sleale, e gli autori, soprattutto indie, sono in cima alla classifica per questi comportamenti scorretti.

La brutta notizia è che non possiamo farci nulla. Ci sarà sempre qualcuno che getterà fango sulle nostre opere.

La bella notizia è che è un fenomeno molto diffuso e, quindi, conosciuto. Detto tra noi: le recensioni finte si riconoscono subito. Pareri su libri che non sono stati letti, utenti che recensiscono solo quel libro e quello soltanto… La solita minestra.

Quindi non perderei troppo tempo su questo tipo di recensioni. O, se vuoi perderlo, ti anticipo che nei miei prossimi articoli ci sarà anche una guida su come reagire alle recensioni negative. Anche se, come disse Dante, “non ti curar di loro ma guarda e passa”.

Per concludere

In questo articolo ho cercato di schiarirti le idee sulle recensioni negative.

Per finire ti lascio questo specchietto riassuntivo. Spero ti sia utile!

recensioni negative

Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato sugli ultimi articoli del blog. In, più, riceverai un regalo: le cinque check-list che ti permetteranno di sapere se il tuo libro è pronto per essere pubblicato.

verificare errori libro

Che aspetti? Iscriviti!