La d eufonica

Se hai già scritto qualcosa e hai avuto modo di interagire con case editrici, professionisti o agenzie, spesso avrai notato come numerosi “ad” e “ed” vengano sostituiti con “a” e “e”.

Magari ti sei anche chiesto perché.

Stiamo parlando della cosiddetta d eufonica.

Oggi vedremo che cos’è e come usarla.

Iniziamo!

Il rafforzamento sintattico

La d eufonica è un caso particolare di rafforzamento sintattico.

Il rafforzamento sintattico è il fenomeno fonetico per cui una consonante iniziale di parola, quando è preceduta da determinate parole uscenti in vocale, si rafforza, cioè è pronunciata come doppia (La dimensione linguistica, Sensini)

Il rafforzamento sintattico è un fenomeno essenzialmente orale, ma esistono casi in cui usa anche nella grafia.

Ad esempio:

  • Sopra, sovra, contro: soprattutto, contraccolpo, sovrapporre.
  • Sì e così: siffatto, cosiddetto.
  • Fra: frapporre.
  • E, o, né: eppure, oppure, neppure.
  • A, da, su: addosso, davvero, supporre.
  • Là e più: laddove, piuttosto.

Abbiamo visto come la d eufonica sia un caso particolare di rafforzamento sintattico.

Vediamo perché.

Un caso particolare: la d eufonica

La congiunzione e, la preposizione a e la congiunzione o (ma in misura meno frequente), quando sono seguite da una parola che inizia per vocale, possono acquistare una d:

  • A -> ad
  • E -> ed
  • O -> od

Questa d è eufonica, ossia una consonante il cui solo scopo è evitare il suono sgradevole prodotto dall’incontro di due vocali, soprattutto identiche:

  • a aiutare -> ad aiutare
  • e ecco -> ed ecco
  • o oltre -> od oltre (ma poco usato)

Quando usare la d eufonica?

C’è da dire che fino a qualche ventennio la d eufonica era usata di frequente.

Oggi, invece, si preferisce usarla solo quando si incontrano due vocali identiche, come negli esempi sopracitati (ad adesso, ed ecco). La d eufonica nella o non viene quasi più usata.

Quindi:

Ed ecco arrivare Mario
Oggi sono stato ad Ancona
Ho comprato il pane ed un po' di uova
Questo sta ad indicare che...

La d eufonica va evitata anche in altri casi.

  • Prima di un inciso: Ed, giunto a casa, andò a coricarsi (ma: E, giunto a casa, andò a coricarsi).
  • Davanti alla acca aspirata di alcune parole straniere: Come stiamo ad hamburger? (ma: Come stiamo a hamburger?)
  • Se nella parola successiva vi sono d o t che renderebbero il suono sgradevole: Fino ad adesso non ho avuto problemi (ma: fino a adesso non ho avuto problemi).

Casi “particolari” di d eufonica

Oltre a essere messa laddove vi siano due vocali identiche, è rientrato nell’uso comune l’utilizzo della d eufonica in casi come:

  • Tu / lui / lei ed io;
  • Ad esempio;
  • Ad eccezione;
  • Fino ad ora;
  • Ad esso /ad essa;
  • Dare ad intendere;
  • Ad opera di…

Conclusioni

La d eufonica serve per evitare suoni sgradevoli (cacofonie). Tuttavia usarla anche nei casi dove andrebbe evitata non è un errore da penna rossa.

Però, se vuoi dare un suono più armonioso alle tue frasi, ti consiglio di attenerti a queste regole implicite. Inoltre in molte norme editoriali di case editrici o concorsi la d eufonica è severamente vietata. Quindi è meglio che tu inizia a usarla solo nei casi previsti.