Ciao! Sono Emanuela Navone.

Editor pignola (così dicono), blogger 2.0 e creatrice di storie.

Scopri il self-publishing!
Scarica la guida per muovere i primi passi nell'autopubblicazione!
Tutto quello che devi sapere per un’autopubblicazione seria e consapevole si trova qui.
Scarica 🙂
Scopri i miei servizi editoriali!

Editing

perchè scrivere

Correzione di bozze

coerenza narrativa

Valutazione inediti

semplificare

Impaginazione

Descrizioni romanzo
Freediting
Scopri il mio servizio di prova gratuita
Grazie al mio servizio di prova gratuita e non vincolante sulle prime cinque cartelle del tuo scritto, potrai valutare come lavoro e qual è il servizio più adatto alle tue esigenze.
Freediting

Scriviamolo!

Il blog su scrittura, pubblicazione e promozione

Autori meritevoli (o che vendono soltanto di più?)

Ormai lo leggiamo ovunque: pubblichiamo, promuoviamo, recensiamo, aiutiamo, diamo spazio ad autori meritevoli. Il che sarebbe un bene, perché anche nella scrittura ciò che conta (dovrebbe contare) è il merito. Ma è davvero così?

“La Quinta Stagione” di N. K. Jemisin – recensione

È così che finisce il mondo. È iniziata la stagione della fine. Con un’enorme frattura che…

Ho finito il libro! E adesso?

Quando finalmente arrivi all’ultima pagina del tuo libro, è come se un peso rotolasse giù dalle spalle, a volte, e altre ti senti immerso in una frenesia tale che vorresti gridarlo ai mille mondi. Solo che purtroppo non è la fine… ma l’inizio. Sì, perché il vero lavoro da fare arriva adesso.

Lucia Anita Iuliano presenta il suo libro “Una parola per le mamme”

Un libro, quello di Lucia, che tocca le corde più profonde dell’animo umano. Suonerà banale, ma…

Di recensioni e ragnatele nella…

Dopo la bufera e altro (non è una poesia) che si è tirato addosso l’ufficio stampa Il Taccuino, è bene fare una riflessione, ancora una volta, sulle recensioni negative. Una riflessione che va a toccare due pilastri di qualsiasi Nazione democratica: la libertà di parola e il reato di ingiuria e diffamazione.

Vendere i libri di tutti o solo il proprio?

Da un anno e mezzo partecipo a fiere del libro come autrice, e da un po’ di anni come lettrice, e ho visto diversi approcci da chi è dietro allo stand. Mi è sorta quindi una riflessione spontanea: qual è la strategia migliore, sia per l’autore che per il lettore?

Restiamo in contatto